Castellabate per chi ha la passione per il mare è una tappa da non perdere. Se ti piace fare snorkeling o fai immersioni subacquee, troverai qui un qualcosa di unico tra secche, relitti, reperti archeologici e pareti che si perdono nel blu.

Molto bella l’immersione al campo archeologico di punta della scala a Licosa. Qui puoi ammirare cocchi d’anfore e ancore di epoca Romana, suggestiva anche la parete dell’ancora. Uno scoglio che vede incastrata un’ancora di grandi dimensioni ormai un tutt’uno con l’ambiente.

Emozionante l’immersione sul relitto della motonave Alfieri. Nave da carico della Tirrenia che fu requisita dalla Marina e inviata in guerra. Venne affondata a largo di punta Tresino e oggi giace coricata su un fianco con i suoi 120 metri di lunghezza su un fondale di 55 metri. Per chi inizia c’è il relitto di San Marco, piccola imbarcazione di 10 metri adagiata su un fondale di 4 metri, alle spalle del porto turistico di San Marco di Castellabate.

Tante sono le secche, da “la Vatolla” alla “Licosa” e della “Bella“, dove si può ammirare una stupenda flora e fauna marina.

Se non hai un brevetto e vuoi ammirare i fondali facendo snorkeling ti puoi tuffare e guardare i resti dell’antico porto greco-romano. Resti di un bacino militare più ampio, conservati nei secoli. Si riescono ancora a vedere i fori dove allora furono inseriti i pali in legno per la costruzione.

Non resta che prenotare le tue immersioni subacquee.